Come possiamo cambiare un mondo impazzito?

salvare il mondo con la macrobiotica

Come possiamo cambiare un mondo impazzito?

È molto facile essere pessimisti di fronte a tutti i problemi che oggi vediamo intorno a noi, sofferenze inutili ed evitabili, non solo fisiche ma anche mentali, sociali e ambientali. Come è possibile cambiare una situazione apparentemente senza speranze?

La risposta a questa domanda è molto semplice: stiamo già creando un mondo migliore. Il mondo che stiamo creando è basato su tre fattori.

  1. Una visione dell’essere umano nella sua dimensione più grande. In altre parole, una visione della natura spirituale dell’essere umano non basata su credenze o dogmi.
  2. L’importanza primaria della salute per vivere in pieno e per sviluppare saggezza e crescita spirituale. La salute si crea con l’alimentazione e lo stile di vita.
  3. Il principio di yin e yang e l’ordine della natura. Un principio che unisce e armonizza.

 

PRIMO FATTORE
La visione della natura spirituale dell’essere umano

Sicuramente possiamo dire che manca la conoscenza di quello che è l’essere umano e della dimensione spirituale della vita. I concetti religiosi, pur avendo tutti qualcosa di vero da comunicare, sono incompleti e per lo più basati su credenze che dividono i popoli invece di tenerli uniti. Noi abbiamo qualcosa da offrire per chiarire la nostra vera natura spirituale, attingendo soprattutto alla saggezza orientale che ci spiega la nostra essenza invisibile (chakra, meridiani ecc.). Questa visione dell’essere dimostra una conoscenza profonda del rapporto fra corpo, mente e spirito e non esclude il valore di altri punti di vista. È una visione inclusiva, non esclusiva.

 

SECONDO FATTORE
La salute

Non è possibile creare un mondo di pace e armonia se questo mondo non è abitato da individui sani. La salute fisica è una condizione essenziale di un mondo di pace, dove l’integrità regna e non lascia spazio a corruzione e menzogna.

Il nostro punto di forza sta proprio nel possedere gli strumenti per capire come possiamo creare armonia e salute, e come esse possano portare pace e grande vitalità. Il segreto sta nella cucina! Per quanto possa sembrare riduttivo e ingenuo, il segreto è proprio questo. È in cucina che si crea forza vitale, qui viene plasmata la propria visione della vita, così come l’integrità (a partire da alimenti integrali). È sempre in cucina che si nutre la mente tanto quanto il corpo, e lo spirito tanto quanto la mente. Questo è il grande segreto, un segreto che ognuno può realizzare senza grande spesa, senza creare danno a nessun altro essere vivente, senza inquinare la terra o sfruttare il terzo mondo e senza neanche creare sofferenze inutili al mondo animale. Si tratta di un segreto grandissimo, ma ci vuole una chiave per liberare il suo grande potere…

 

TERZO FATTORE
Yin e Yang

...La chiave consiste in un principio guida, un principio applicabile in ogni settore della vita e facilmente spiegabile a chiunque. Chiaramente questo principio, che è il terzo fattore per creare un mondo migliore, è ciò che ci permette di unire gli opposti e creare armonia, che ci fa capire in modo pratico quanto il mondo fisico e quello invisibile siano uniti e che le differenze apparenti non sono altro che fattori complementari che creano le dinamiche della nostra vita. La malattia ci indirizza verso la salute e può trasformarsi in essa, così come un mondo violento e pieno di sofferenza può essere trasformato nel mondo che vogliamo. Questo è il nostro principio di yin e yang.

Oggi la visione della vita è governata dalla scienza, che dà informazioni utili, ma incomplete. Queste lacune della scienza sono particolarmente evidenti quando si parla di alimentazione. Il nostro cibo non si compone solo di “molecole” (sostanze nutritive) e il nostro corpo non è solo quello che si può misurare e quantificare. Esiste tutta una dimensione spirituale (invisibile e non quantificabile) del nostro corpo e anche quello che mangiamo. Il mondo visibile e quantificabile, cioè quello descritto con il metodo scientifico, ha anche un lato invisibile: yin e yang sono ovunque.

Il principio di yin/yang ci permette di andare oltre la scienza e dove la medicina non può arrivare, pur apprezzando quello che scienza e medicina possono fare. 

Yin/yang è sempre un principio per unire, non dividere.

 

Come in ogni ricetta, anche in questo intento di creare un mondo migliore ci sono ingredienti indispensabili:

collaborazione, condivisione e consapevolezza che nulla si crea se siamo soli. Più riusciamo ad unire le forze e maggiori saranno i risultati. Il lavoro che posso fare io da solo ha poche speranze di avere un impatto, ma se moltissime persone riescono a capire e mettere in atto i tre punti spiegati in questo articolo, ecco che qualcosa di grande e bellissimo potrebbe innescarsi.

La Sana Gola esiste per questo:

- Nutrire persone che hanno bisogno di stare meglio

- Insegnare e formare persone che vogliano aiutare gli altri oltre a se stessi

- Creare strutture, materiali e metodi che permettano ai diplomati di operare con efficacia e fiducia in se stessi.

Tutto questo viene concepito nell’ottica di trasformare il mondo in un luogo di pace, sostegno e solidarietà, abitato da persone che capiscano che la vera vita va ben oltre gli anni trascorsi su questa terra. È questa dimensione che va nutrita innanzitutto.

L’essenza di ognuno di noi è divina ed è attraverso la scoperta e la condivisione di questa realtà che possiamo sperare nel futuro che vogliamo. Quello che noi sappiamo è che, per quanto strano possa sembrare, gran parte di questa scoperta si svolge in cucina.

Nel prossimo articolo vi dimostrerò che il nostro successo nel cambiare il mondo è matematicamente certo… abbiate fiducia!

Intanto vi invito a riflettere su cosa può significare un numero crescente di professionisti, formati da noi come operatori olistici (con un orientamento alimentare) e insegnanti di cucina, armati di principi yin/yang e del loro talento culinario: loro sì, possono cambiare questo paese… e non solo.

Martin