Cereali in chicco o pasta?

Cereali in chicco o pasta?

Molte persone che frequentano la nostra scuola hanno qualche esperienza con la macrobiotica, sia con altri insegnanti o scuole o da letture nel corso degli anni. Una delle idee comuni che incontro con queste persone è che dovremmo ridurre o addirittura evitare i prodotti a base di farina come la pasta o il pane. Spesso c'è una forte convinzione che questi prodotti siano da evitare o vanno consumati raramente.

Non sono d'accordo con questo concetto.

 

Recentemente ho espresso la teoria che la macrobiotica è un percorso spirituale che dà grande importanza al cibo, perché il cibo crea il nostro corpo e nutre la nostra mente, entrambi fattori chiave per l'evoluzione personale. La macrobiotica non è un'adesione a un insieme di regole rigide riguardanti il cibo o qualsiasi altro aspetto della vita, ma riconosce che i cereali integrali e le verdure sono la base ideale per la dieta umana, ma non esclusivamente i cereali integrali in chicco.

 

I cereali integrali assumono molte forme nelle varie tradizioni alimentari di tutto il mondo. In Oriente, l'alimento principale è il riso ed è forse da questo fatto che i cereali integrali in chicco sono visti come l'alimento ideale. In Occidente il frumento è il cereale principale e, essendo difficile da mangiare in chicco (non impossibile, ma difficile), è stato trasformato in vari prodotti a base di farina; in particolare pane e pasta, ma anche cous cous cous e altri. La cultura occidentale non è inferiore alla cultura orientale e la salute e la vitalità delle popolazioni occidentali non è inferiore alla salute e alla vitalità delle culture orientali.

 

Ci sono differenze significative nel modo in cui le tradizioni religiose e spirituali orientali e occidentali vedono la vita e l'esperienza umana, e queste differenze sono dovute in gran parte alla differenza nella dieta e nell'uso del riso rispetto ai prodotti di farina di grano, ma non sono intrinsecamente superiori.

 

Tutte le culture umane hanno creato grande arte, letteratura e intuizioni spirituali, così come ci sono state atrocità e guerre terribili sia ad est che ad ovest.

 

La mia idea, e quello che insegniamo nella nostra scuola è di cercare di unire l'est e l'ovest e di usare tutti i tipi di prodotti integrali. Penso che l'Italia sia unica in quanto ha così tanti piatti a base di diversi di cereali.

 

A sud c'è più o meno pasta e pane, o pane e pasta. Al centro del paese ci sono molti piatti a base di farro e orzo e il nord ha alcuni dei migliori tipi di riso al mondo così come le tradizioni a base di polenta e grano saraceno.  Il cibo italiano è il più internazionale in questo senso e penso che sia una buona idea utilizzare tutti questi prodotti.

E' comunque vero che i cereali integrali in chicco hanno una particolare energia che può essere utile per aumentare la forza vitale, soprattutto in coloro che si sono indeboliti.

 

La mia considerazione finale, e più importante per quanto riguarda il consumo di pasta rispetto al riso o ad altri cereali, è che la sfida per la maggior parte delle persone è quella di poter mangiare in modo ordinato ed equilibrato e se iniziamo a creare ogni tipo di regole e divieti, nessuno sarà in grado di metterla in pratica. Ho visto più di 10.000 persone in consulenza nel corso degli anni (sono consulente da più di 40 anni) e posso attestare che coloro che consumano regolarmente la pasta integrale ritrovano la salute e superano malattie e dolori proprio come coloro che evitano o riducono la pasta.

 

Il nostro cibo deve essere delizioso, per lo più non raffinato ed equilibrato (utilizzando combinazioni e metodi di cottura adeguati) e in Italia possiamo scegliere tra un'incredibile varietà di cereali, verdure, legumi, condimenti, frutta e molto altro ancora.

 

Buon appetito

 

 

Martin