Godiamoci la scienza della nutrizione e rendiamola il più divertente possibile

Godiamoci la scienza della nutrizione e rendiamola il più divertente possibile

Normalmente la scienza della nutrizione è una delle materie più noiose per chi si interessa di cucina, in particolare per chi ha scoperto la visione energetica del cibo e della cucina. Yin e yang e le 5 trasformazioni danno una visione molto più completa del cibo e di come utilizzarlo nel modo più delizioso e salutare. Sono modi semplici e chiari per comprendere il cibo e la vita in generale.

Tuttavia, chiunque voglia condividere la propria passione per il cibo o aiutare gli altri a migliorare la propria salute tramite il cibo deve avere una buona conoscenza di base della scienza della nutrizione.

Come possiamo rendere lo studio della scienza della nutrizione divertente e interessante?

Credo che il modo migliore sia quello di dimostrare quanto sia mal utilizzata nella società moderna e quante "fake news" ci siano in relazione a questa scienza. La maggior parte di ciò che sentiamo in televisione, leggiamo in varie pubblicazioni e vediamo su Internet è falso o quantomeno fuorviante e pieno di mezze verità e manipolazioni.  Il modo in cui mi piace insegnare questa scienza è quello di evidenziare queste discrepanze e illustrare come la scienza della nutrizione sia diventata il più grande problema nel nostro rapporto con il cibo.

Questa settimana è dedicata alla scienza dell'alimentazione, è l'argomento della mia conferenza di mercoledì sera, mentre domenica la insegnerò a Bergamo nell'ambito del corso di diploma di cuoco e di terapia alimentare. In questi corsi scopriremo cosa ci offre la scienza per capire meglio il nostro cibo e migliorare la nostra salute, ma anche come viene manipolata e abusata al punto da diventare più un ostacolo che un aiuto alla nostra comprensione.

 

clicca qui per guardare il video allegato a questa newsletter

 

Invece di esplorare l'equilibrio dei nutrienti presenti negli alimenti, la scienza della nutrizione viene spesso utilizzata per farci credere che siamo costantemente a rischio di carenze nella nostra dieta, che abbiamo bisogno di più proteine, più grassi buoni, più vitamine e minerali e che dovremmo addirittura integrare molte delle molecole presenti negli alimenti.

Se è vero che la concentrazione di vitamine e minerali nei nostri alimenti è gradualmente diminuita negli ultimi decenni, i veri problemi della nostra dieta hanno a che fare con gli eccessi.

Mangiamo troppo! L'obesità è pandemica, il cancro è pandemico, l'ipertensione arteriosa è pandemica, le allergie sono pandemiche e le malattie mentali sono pandemiche e direi che questi sono tutti problemi legati all'eccesso e non certo alla carenza.

Troppe proteine, troppi grassi e oli di ogni tipo, troppo sale e altri minerali, troppo zucchero e troppa frutta. Il problema è che nessuno ha interesse a informarci che stiamo consumando troppo. L'industria alimentare si basa sull'idea che dobbiamo consumare il più possibile, il più spesso possibile, ed è l'industria alimentare che paga la pubblicità, la ricerca e spesso i politici che dovrebbero avere interesse a migliorare la salute generale del pubblico. Ne è una dimostrazione il fatto che durante la pandemia, quando tutti erano concentrati su come combattere il Covid, quasi nessuno parlava di migliorare l'alimentazione, e chi ne parlava incoraggiava le persone ad assumere integratori (in particolare di vitamina C).

Mercoledì sera l'obiettivo sarà vedere cosa significa "equilibrio nutrizionale", quale dovrebbe essere il giusto rapporto tra proteine, carboidrati e grassi secondo le ricerche più recenti e più accettate. Farò del mio meglio per rendere la lezione interessante, istruttiva e divertente e per chiarire come possiamo trarre vantaggio da questa scienza e non lasciare che gli interessi di altri la usino per trarre vantaggio da noi.

Martin

 

Il corso di mercoledì 16 novembre:

Nutrizione macro: equilibrio biochimico. Il rapporto ideale tra nutrimenti con M.H.