Parliamo di salute mentale

Parliamo di salute mentale

L' Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) l'ha definito "il male del secolo": la depressione, associata ai sintomi di ansia, è una patologia in crescita ogni anno.

Ho scritto qualche settimana fa che sono convinto che la tendenza globale verso fattori più yang stia accelerando il problema della salute mentale, molto più che le malattie degenerative. La domanda è: cosa fare?

Credo che la macrobiotica abbia molto da offrire, in particolare la comprensione del fatto che la nostra condizione fisica, la condizione del corpo, ha un enorme effetto sulla salute mentale. Questo "male del secolo" non potrà mai diminuire fino a quando questa associazione tra corpo e mente non sarà pienamente incorporata nella prevenzione e nella cura delle malattie mentali.

L'alimentazione e lo stile di vita sono andati costantemente degenerando dall'inizio del secolo scorso e in particolare dalla fine delle guerre mondiali. L'agricoltura industriale, con enormi quantità di fertilizzanti chimici, erbicidi e pesticidi, nonché l'uso di ormoni, antibiotici e mangimi OGM, sta rovinando la salute e la dieta moderna, basata su cibi di origine animale molto grassi, cereali e zuccheri raffinati: è una combinazione letale che ha portato all'esplosione di malattie degenerative, tra cui cancro, diabete e malattie cardiovascolari. Generazione dopo generazione ha creato una prole sempre più debole, che necessita di grandi quantità di vaccini e antibiotici per crescere fino all'età adulta. La macrobiotica può invertire questa tendenza.

Anche lo stile di vita ha sofferto molto a causa dei ruoli di lavoro sedentari e del minor contatto con la natura. Un secolo fa, la maggior parte delle persone trascorreva circa il 50% del proprio tempo all'aria aperta mentre negli anni '50 circa il 30%. Oggi la percentuale è del 7%. I social media, la costante promozione di cibi velenosi presentati come sani e naturali e la disgregazione della famiglia costituiscono un cocktail letale per la salute fisica e mentale.

 

clicca qui per guardare il video allegato a questa newsletter