Scuola di cucina e Terapia alimentare per diventare Operatore Olistico e consulente macrobiotico– consulenze alimentari

post

Alzheimer e altre forme di demenza: una soluzione macrobiotica

Alzheimer e altre forme di demenza: una soluzione macrobiotica

Lo studio della demenza senile, nelle sue varie forme, di solito si concentra direttamente sul cervello e cerca di individuare le sostanze chimiche che causano i danni. La macrobiotica ha una prospettiva diversa che può rappresentare un progresso rivoluzionario per l’invecchiamento della popolazione e il drammatico aumento della demenza.

Dal punto di vista macrobiotico, il cervello è collegato ai principali organi nel seguente modo:

I reni governano tutti gli aspetti dello sviluppo umano, dalla crescita dell’embrione alle fasi successive della vita. Imparare a diagnosticare i reni e a rafforzarli è il modo più importante per migliorare la salute mentale e prevenire la degenerazione.

Il fegato governa i nostri muscoli, i più importanti dei quali sono i vasi sanguigni e i capillari. Un’importante forma di demenza, la demenza vascolare, è causata da problemi di microcircolazione e dalle condizioni dei vasi sanguigni del cervello, che riflettono le condizioni del fegato. Ci sono altri modi in cui il fegato controlla il cervello e le sue funzioni, perciò imparare a diagnosticare le condizioni del fegato e a rafforzare quest’organo è di enorme valore nel trattamento di molte forme di demenza e nella prevenzione di tutte le altre.

 

Il pancreas è l’organo principalmente responsabile del desiderio di dolce e dei livelli di zucchero nel sangue, che sono fondamentali per il cervello, il quale consuma l’80% dei carboidrati che assumiamo. L’abitudine più importante da acquisire per la salute del cervello è evitare lo zucchero e i cibi estremamente dolci: distruggono letteralmente il cervello. L’energia del pancreas (energia Terra) è quella qualità del nostro corpo che dà integrità e forma ai nostri organi. Nel caso dell’Alzheimer, che comporta un’importante perdita di forma e di integrità del cervello stesso, la guarigione del pancreas è fondamentale.

La condizione dell’intestino e del microbioma ha una relazione opposta e complementare con la condizione del cervello (lo spiegherò più approfonditamente mercoledì sera), il che implica che un intestino malato e una flora intestinale squilibrata sono una garanzia per lo sviluppo di problemi mentali, compresa la demenza.

 

 

Nella prima lezione del nuovo anno, che si terrà mercoledì sera, impareremo a valutare le condizioni degli organi sopra citati, nonché a rafforzarli e a creare un equilibrio dinamico nel corpo. Cibi specifici come la frutta agrodolce (ad esempio, i frutti di bosco), cibi fermentati di alta qualità e piatti specifici a base di verdure, consumati poche volte alla settimana, possono cambiare completamente la salute mentale futura di una persona. Vi darò alcuni suggerimenti sulla colazione ideale e sugli esercizi più potenti contro la demenza. Condividerò anche il rimedio speciale di Michio Kushi per l’Alzheimer.

 

Questa settimana c’è molto da discutere e da scoprire su un problema che è devastante per ogni famiglia che ne viene toccata. Non c’è niente di più straziante che vedere un genitore o una persona cara svanire nella confusione e nella sofferenza costante.

Un’abitudine specifica che raccomando a tutti, insieme a quella di evitare gli zuccheri, è quella di studiare e mettere alla prova la mente. il nome del nostro gruppo di studio del mercoledì sera è “Macro Fitness Club” e credo che la forma fisica della mente e dello spirito sia quella che ci interessa di più. L’apprendimento costante espande la mente e ci mantiene giovani,

Vi auguro un grande 2024 (il 17 di questo mese farò le mie previsioni annuali di ki delle 9 stelle per il nuovo anno) pieno di scoperte e di ideali e obiettivi condivisi che manterranno le nostre menti acute e i nostri corpi flessibili.

 

 

 

Martin

 

 

 

Lezione di mercoledì 10 gennaio: DEMENZA SENILE: PRIMA DURANTE E DOPO – CON MARTIN HALSEY

 

Clicca qui per guardare il video allegato a questa newsletter