Scuola di cucina e Terapia alimentare per diventare Operatore Olistico e consulente macrobiotico– consulenze alimentari

post

Digiuno macrobiotico – Sconsiglio vivamente la dieta numero 7

Digiuno macrobiotico – Sconsiglio vivamente la dieta numero 7

All’interno della tradizione macrobiotica esiste la cosiddetta dieta numero 7, che consiste in una dieta a base di cereali integrali al 100%, per lo più riso integrale, per 10 giorni. È stata raccomandata da George Ohsawa come parte di 10 diete diverse da lui consigliate. Ohsawa fu il fondatore della macrobiotica ed è interessante notare come definì l’alimentazione macrobiotica con 10 diete diverse e non semplicemente come “la dieta macrobiotica”.

I tempi sono cambiati e, così come tutti gli aspetti della società si sono evoluti, anche le raccomandazioni macrobiotiche per l’alimentazione si sono evolute. Michio Kushi ha semplificato e chiarito le 10 diete di Ohsawa con la sua dieta standard, che è aperta a molte interpretazioni diverse, ma il fascino della dieta numero 7 è rimasto. Io sconsiglio questo approccio, perché lo ritengo inadeguato per le persone moderne, in particolare per quelle che in passato hanno mangiato molta carne, uova, formaggio e latticini. Spiegherò perché è problematico più in dettaglio mercoledì sera durante la conferenza di questa settimana.

Digiunare in genere significa semplicemente non mangiare o consumare succhi o altri liquidi e nient’altro; questa forma di digiuno ha potenti effetti sulla mente e sul corpo. Il digiuno macrobiotico ha un effetto ancora più potente perché è progettato per produrre cambiamenti nel corpo e nella mente. Il “digiuno normale” fa riposare l’apparato digerente e gli organi e costringe l’organismo a liberare le riserve di energia immagazzinate (compresi i grassi), mentre il digiuno macrobiotico trasforma l’organismo in modo più significativo e ha anche un effetto più potente sulla mente.

L’alimentazione macrobiotica si basa su una filosofia di equilibrio e cambiamento e l’utilizzo dei principi di equilibrio e cambiamento non solo dà riposo ai nostri organi, ma corregge gli squilibri ovunque nel corpo. Dopo anni di carne, uova, formaggi e altri alimenti yang molti organi sono contratti con depositi di grasso duro, mentre altri sono indeboliti ed espansi da molti zuccheri e altri alimenti yin. Introducendo nell’organismo un equilibrio dinamico di energia yin e yang, di pasto in pasto e di giorno in giorno, si correggono questi squilibri ovunque nel corpo. Come il corpo cambia, così cambia anche la mente e i cereali sono gli alimenti che più stimolano la crescita mentale e spirituale.

 

 

Il digiuno macrobiotico è stato introdotto da Ohsawa con la sua dieta numero 7 e poi perfezionato da Michio Kushi durante una serie di seminari spirituali che ha presentato negli anni ’80 e ’90. Ho contribuito all’organizzazione di questi seminari e ho avuto l’opportunità di vedere come si svolgevano e spesso ho dato istruzioni ai cuochi su cosa preparare e servire. Questo è ciò che condividerò mercoledì sera.

Questo speciale tipo di digiuno (è speciale perché si mangia davvero molto cibo) è un complemento alle diete primaverili e autunnali, in quanto è particolarmente adatto all’estate e alla stagione calda, anche se non è limitato a questi periodi.

Un aspetto importante del digiuno macrobiotico è la masticazione e, sebbene tutti sappiano masticare, esistono tecniche che aiutano a prolungarne e potenziarne gli effetti. Condividerò anche alcuni degli insegnamenti filosofici e spirituali di Ohsawa (e di Michio) che questa forma di digiuno ci aiuta a comprendere più profondamente. È per questo motivo che Michio lo ha inserito tra i suoi seminari spirituali. Il digiuno macrobiotico è per la mente e per il corpo.

Questa dieta speciale può durare anche solo 3 giorni e non più di 10 ed è un ottimo modo per creare chiarezza e gioia nella nostra vita quando ci troviamo in momenti di difficoltà o confusione.

Martin

 

Lezione di Mercoledì 31 maggio: IL DIGIUNO MACROBIOTICO: 3 GIORNI PER RIMETTERSI IN CARREGGIATA

 

clicca qui per guardare il video allegato a questa newsletter